sabato 17 agosto 2013

Teeming and lading

Vanno sotto il nome di "teeming and lading fraud" un insieme molto vasto di illeciti tipici dell’area commerciale, in particolare della contabilità clienti.

Si va dal furto di contante o assegni incassati nel commercio al minuto, alla costituzione di conti correnti sui quali deviare i flussi di pagamento grazie all'iscrizione in fattura di codici IBAN diversi da quelli ufficiali aziendali.
In questi casi, colui che commette la frode nasconde il credito (in realtà saldato dal cliente sul conto del criminale) il più a lungo possibile tramite registrazioni contabili false, fino a quando non è più in grado di occultare l'illecito decidendo di scomparire.

Questo tipo di frode balza raramente agli onori della cronaca in quanto, di norma, non interessa ingenti somme di denaro e perché è perpetrato, in molti casi, da personale interno alla struttura aziendale senza che gli apparati di controllo possano intervenire con efficacia.

Un buon antidoto contro questo tipo di illecito è certamente la cosiddetta "segregation (o separation) of duties" definita e descritta da tutti i più moderni modelli teorici di controllo interno.

Pertanto chi si occupa delle vendite non dovrebbe gestire gli incassi dai clienti e chi verifica gli incassi ricevuti  non dovrebbe anche occuparsi della compilazione, emissione e trasmissione delle fatture.